banner

Cerca nel sito

Registrati

Per gentile concessione ...

Recentissime

Web 2.0

 

 “Internet non si può più considerare una semplice "rete di reti",né un agglomerato di siti Web isolatiweb-20-italia-dati1.jpg e indipendenti tra loro, bensì la summa delle capacità tecnologiche raggiunte dall’uomo nell’ambito della diffusione dell’informazione e della condivisione del sapere.
Queste le considerazioni alla base del cosiddetto Web 2.0 che, lungi dal rappresentare il culmine dell’evoluzione del mondo Internet negli ultimi dieci anni, è un punto di partenza per nuove metodologie e applicazioni software, all'insegna della condivisione e della collaborazione tra esseri umani.
Il termine "Internet 2.0” o “Web 2.0” è quindi l’espressione del dibattito attualmente in corso in merito alle nuove possibilità di fruizione del sapere e delle informazioni offerte dalla Rete. Non è quindi un’evoluzione della tecnologia alla base della Rete, ma dei mezzi e degli strumenti che utilizzano l’infrastruttura tecnologica sulla quale poggia Internet. E' un nuovo modo di intendere la Rete, che pone al centro i contenuti, le informazioni, l'interazione .               Immagine

(Da: http://www.microsoft.com/italy/pmi/marketing/internetmarketing/web20.mspx)

 

 

Contribuiscono ad incrementare il Web 2.0 i social media, cioè tutte quelle applicazioni che permettono alle persone di incontrarsi, di interagire, di collaborare in rete e realizzare comunità online, attribuendo così alla rete un nuovo valore: quello degli utenti che, popolando una spazio sociale paritario, attraverso la hackerability e il mashup, il rimescolamento di contenuti e servizi come prodotti della collaborazione si possono manifestare come creatori attivi.

Il Web 3.0, del quale ultimamente si è cominciato a discutere,  farà uso di strumenti per ricercare, estrarre ed integrare le informazioni.
Jeffrey Zeldman di A List Apart ha scritto un’articolo intitolato “Web 3.0” (traduzione italiana

Relativamente a questi aspetti ndichiamo alcune applicazioni e siti assolutamente da conoscere:

      Motori di ricerca basati sulla condivisione di bookmark degli utenti (folksonomy):

      Spazi per la condivisione di immagini, foto, video, power point, brani musicali, 

      studiati come repository di risorse multimediali gratuite:

      Siti di aggregazione e condivisione di notizie:

  • Digg                     
  • TagCloud          
  • 24eyes               

      Portali che aggregano contenuti di terzi:

      Portali di contatto: social networking:

      Strumenti sincroni audio/video di comunicazione multiutenti:
      Strumenti di connessione:

 

RocketTheme Joomla Templates
×

La formazione dei formatori 2018-2019

Il corso “La formazione dei formatori” è alla sua dodicesima edizione, quest’anno, il corso B è arricchito del Modulo N. 4 che si occupa dello sviluppo professionale e della qualità della formazione in servizio secondo la normativa più recente.

Le innovazioni descritte in più documenti ministeriali, presto diventeranno requisiti imprescindibili per un insegnamento idoneo alla riflessione sui processi di autovalutazione e miglioramento, all’apprezzamento del merito e all’opportunità delle azioni formative obbligatorie e differenziate. Il corso, migliorato con il Modulo N. 4, tratterà anche delle nuove figure professionali(mentor, quadro intermedio); di formazione, miglioramento, PTOF e Unità Formative; di crediti didattici e metodi di osservazione dell’insegnamento; di standard professionali, curricula e e-portfolio docente.

  1.  Vedi il programma
  2.  Scarica il modulo d'iscrizione
  3.  Vedi la scheda di autovalutazione